Vincitori concorso

Libreria Voltapagina - LuganoI vincitori del concorso “Disegna il tuo sogno nel cassetto” sono:

Nadia Bachir
Edoardo Behle
Martina Camponovo
Manuel Cariaga
Greta Guglielmetti
Ambra Ingletto
Nicol Krit
Sara Molena
Ansana Muthusamy
Nicolas Mutti

I bambini riceveranno il buono offerto dalla libreria Voltapagina di Lugano direttamente a casa nelle prossime settimane. Nel caso ciò non dovesse avvenire, i vincitori possono contattare Maribur all’indirizzo info@maribur.ch.

Complimenti ai vincitori e grazie a tutti i parecipanti!

Quei meravigliosi Anni ’70

Quei meravigliosi anni '70Tecnica: teatro di strada
Regia: Nadir Spagnolo, Arianna Pastorelli
Musiche:
Messa in scena:
Animazione/Recita: Nadir Spagnolo, Arianna Pastorelli
Durata: 40′
Età: per tutti

Un’idea diventata realtà: Quei meravigliosi anni ’70 spettacolo di strada e per strada, già prima di arrivare in postazione i nostri amici venuti dal passato daranno dei piccoli assaggi di comicità a bordo della loro Mini Minor del 1969. La vettura piena di sorprese e cianfrusaglie si riscoprirà presto il “mezzo” per eccellenza con addirittura un portapacchi che diventerà il palcoscenico per presentare acrobazie di ogni tipo. Uno spettacolo pieno di colori, pensato in bianco e nero.

2 Clown di passaggio (Imperia – Italia) — www.2clown.it
Artisti di grande esperienza, poliedrici e fantasiosi, Nadir Spagnolo e Arianna Pastorelli realizzano spettacoli capaci di coinvolgere ed emozionare grandi e piccini. Nadir è il degno erede di una lunga generazione di artisti, Arianna nasce artista senza saperlo e lo scopre per amore, con amore. Insieme presentano giochi di magia, abilità, fachirismo, unendo tradizione e novità e sempre all’insegna del sorriso e del divertimento.

Il Diavolo cerca moglie

Il Diavolo cerca moglieTecnica: burattini a guanto e marionette sospese
Regia: Bruno de Franceschi
Musiche: musiche della tradizione popolare
Messa in scena: Francesco Trecci
Animazione/Recita: Francesco Trecci
Durata: 60′
Età: dai sette anni

Promessa in sposa al Diavolo, la principessa Zelinda è tenuta prigioniera dal terribile mago Perfidio che la nasconde in attesa del giorno del matrimonio. Il padre di Zelinda, re e mago, tenta in tutti i modi di liberarla, ma è inutile: la magia di Perfidio è troppo potente. La principessa è davvero destinata a sposare il Diavolo? Forse però per sconfiggere il malefico Perfidio non servono magie e incantesimi, bastano furbizia e sfacciataggine. E Zolfanello, un umile lavapiatti, è molto furbo e sfacciato.

Compagnia d’arte Transitiopera ( – Italia) — www.francescotrecci.com
L’arte di Francesco Trecci, marionettista, burattinaio, scenografo e scultore, affonda le sue radici nel teatro di figura classico. Tuttavia Trecci ha saputo accomunare con maestria questa tradizione a testi, scenografie e personaggi assolutamente originali. Le marionette ed i burattini possono allora assumere l’aspetto di tipiche teste di legno o di futuristiche e visionarie creature che evolvono su scenari moderni. La sua compagnia propone regolarmente a bambini, ragazzi e adulti portatori di handicap laboratori di manualità, costruzione scenografica e seminari sulla creatività del linguaggio teatrale.

Cinderella Vampirella

Cinderella VampirellaTecnica: pupazzi e burattini
Regia: Silvano Fiordelmondo, Francesco Mattioni, Diego Pasquinelli
Musiche: Lorenzo Soda
Messa in scena: Marina Montelli
Animazione/Recita: Francesco Mattioni, Pamela Sparapani
Durata: 55′
Età: dai quattro anni

Ma chi l’avrebbe mai detto? Cinderellla Vampirella, la figlia del terribile Dracula, non ne vuole proprio sapere di tenebre, pipistrelli, tombe, castelli stregati e cripte ammuffite. Per non parlare poi di bere sangue. Che schifo! Cinderella vorrebbe tanto fare… la casalinga! Sogna una bella casa moderna con tanti elettrodomestici, mobili eleganti, un bel divano comodo. Ma come fare quando si è la figlia del più famoso vampiro del mondo? Forse con l’aiuto di Igor, fedele servitore di Dracula, un poco zotico ma dal cuore tenero e incapace di fare del male a Cinderella. O forse grazie ad un grande e gentile drago di nome Grill-Grill.

Teatro Pirata (Jesi – Italia) — www.teatropirata.com
Il Teatro pirata è fondato nel 1993 da Silvano Fiordelmondo, Francesco Mattioni e Diego Pasquinelli, già da molti anni attivi nel mondo del teatro di figura e, tra l’altro, anche collaboratori di Otello Sarzi. Oltre all’attività teatrale che ha portato la compagnia ad esibirsi con successo in tutta Italia ed all’estero, il Teatro pirata gestisce ed organizza corsi e laboratori per ragazzi portatori di handicap e numerose rassegne di teatro in varie località della provincia di Ancona.

La morte di Don Cristobal

La morte di Don CristobalTecnica: burattini a guanto
Regia: Paz Tatay
Musiche: Alice Behague
Messa in scena: Paz Tatay e Alice Behague
Animazione/Recita: Paz Tatay
Durata: 50′
Età: dai 6 anni

Avaro, brutto, cattivo e senza scrupoli, Don Cristobal vive solamente per accumulare denaro. Ma la sua già considerevole fortuna non gli basta mai e tenta con ogni mezzo, lecito o illecito, di procurarsi altri soldi. C’è però qualcuno ancora più brutto e cattivo di lui: la sua domestica. Povera e gelosissima della ricchezza del suo padrone, è decisa ad eliminare Don Cristobal per rubargli il suo denaro. Ci riuscirà?

Pelele ( – Francia-Spagna) — ciepelele.free.fr
Fondata nel 1996 a Tolosa da Paz Tatay, e già esibitasi a Stabio nel 1997, la compagnia Pelele svolge un’importante attività artistica sia in Francia sia all’estero, partecipando ai più importanti festival di teatro di figura. Rappresentata più di 250 volte e oramai divenuta un classico, La morte di Don Cristobal utilizza dei burattini a guanto di ispirazione mediterranea.

Fantasie folk

Fantasie folkTecnica: pupazzi, oggetti e attori
Regia: Galin Ginev, Vera Stoykova, Diana Tsolevska, Zhivko Zhekov
Musiche: Asen Ganev e dalla tradizione popolare bulgara
Messa in scena: Galin Ginev, Vera Stoykova, Diana Tsolevska, Zhivko Zhekov; Costumi di Miro
Animazione/Recita: Galin Ginev, Vera Stoykova, Diana Tsolevska, Zhivko Zhekov
Durata: 55′
Età: dai 6 anni

Un divertente spettacolo d’immaginazione e fantasia basato su elementi ispirati alla ricchissima tradizione del folclore bulgaro. Gli attori utilizzano pupazzi e oggetti d’uso quotidiano per raccontare una storia che, sulle ali della fantasia, condurrà lo spettatore in una magica passeggiata teatrale nell’etnografia della Bulgaria. Oramai un classico del vasto repertorio proposto dal Teatro statale dei burattini di Varna, questo spettacolo è stato rappresentato con successo in numerosi festival nazionali ed internazionali, ricevendo importanti e prestigiosi premi.

Teatro statale dei burattini di Varna (Varna – Bulgaria) — www.vnpuppet.com
Fondato nel 1952 da Georgi Saravanov, il Teatro statale dei burattini di Varna è una vera e propria istituzione sia nel proprio paese sia all’estero. Dalla sua nascita sono stati allestiti 250 spettacoli per un totale di ventimila rappresentazioni seguite da più di 8 milioni di spettatori! Situato nel centro della città di Varna, conosciuta località balneare sul Mar Nero, il teatro ha sede in un edificio di 2400 metri quadrati. Oltre alla sala principale per duecento spettatori, nello stabile trovano posto locali per le prove, per la confezione dei costumi, per la realizzazione delle marionette, per gli atelier organizzati, e, soprattutto, uno fra i pochi musei delle marionette in Europa. Il teatro allestisce spettacoli per bambini, ragazzi e adulti, utilizzando tecniche diverse (burattini, marionette a filo, attori, teatro d’ombre, camera nera, proiezioni su schermo). La compagnia è stata ospite a Stabio nel 2003.

Marionette del gatto nero

Marionette del gatto neroTecnica: marionette a filo
Regia: Thomas Lundqvist
Musiche: dalla tradizione popolare e dal repertorio classico
Messa in scena: Thomas Lundqvist
Animazione/Recita: Robin Nilssen e Thomas Lundqvist
Durata: 40′
Età: dai 3 anni

Composto da brevi scene, come un varietà, questo divertente spettacolo musicale ha per protagonisti degli artisti a quattro zampe: dei simpatici gatti neri. Potrete allora seguire le eleganti evoluzioni di un gatto ballerino di flamenco, di un’orchestra di gatti ungherese, di un gatto acrobata, di un pattinatore provetto e persino di un gatto toreador. Ma sul più bello un ospite indesiderato compare sulla scena: un cane che evidentemente detesta i gatti e farà di tutto per rovinare lo spettacolo.

Svarta Katten (Svartsjö – Svezia) — www.dockteatersvartakatten.se
La compagnia Svarta Katten (Gatti neri) è stata fondata nel 1986 da Thomas Lundqvist, burattinaio e creatore di burattini. Nata dunque in un paese che non possiede una propria tradizione di teatro di figura, la compagnia ha sviluppato nel tempo uno stile proprio ed inconfondibile che affonda le sue radici sia nella tradizione occidentale sia nei complessi burattini giapponesi bunraku. Questa commistione di stili conferisce agli spettacoli un’espressività assolutamente originale. La compagnia Svarta Katten svolge un’intensa attività nei teatri e nelle scuole della Svezia e ha intrapreso numerose tournée internazionali. Si sono già esibiti con grande successo a Stabio nel 1997 e nel 2002.

Mario Brocc, Trovati un lavoro serio

Mario Brocc, Trovati un lavoro serioTecnica: giocoleria, equilibrismo, clownerie, mimo
Regia: Alessandro Intini
Musiche:
Messa in scena:
Animazione/Recita: Alessandro Intini
Durata: 40′
Età: per tutti

Saltimbanco? Ma è un lavoro? Sicuramente non è una cosa seria. Meglio, molto meglio, lavorare in banca. O fare l’avvocato. O il dottore. O lo scienziato. Va bene anche il maestro, ma per carità non il saltimbanco. Mario ama però raccontare storie, fare il mimo, il clown, il giocoliere. Insomma Mario ama il teatro di strada e il contatto diretto con la gente. E grida a pieni polmoni: sì, il saltimbanco è un lavoro serio, serissimo, ma molto divertente.

Mario Brocc (Como – Italia)
Alessandro Intini, alias Mario Brocc, è un eccentrico emigrato del sud che fin dalla tenera età ha sempre tenuto spettacoli nella piazza del suo amato paesino. Tuttavia, da quando è partito in cerca di fortuna, la società, per mezzo delle sue istituzioni, lo ostacola in continuazione nel tentativo di farlo desistere dal praticare la sua ambigua attività e convincerlo a trovare un lavoro serio. Tuttavia per Mario Brocc il teatro di strada non è solamente una professione, ma un’immensa passione.

Miss Monde

Miss MondeTecnica: figure in filo di ferro
Regia: Guy Jutard
Musiche: musiche della tradizione popolare
Messa in scena: Guy Jutard et Annemarie Roth Baud
Animazione/Recita: Laure-Isabelle Blanchet
Durata: 22′
Età: da uno a tre anni (accompagnati dai genitori)

Miss Monde gira come una trottola, come un pianeta nel cielo, come la nostra bella terra a volte illuminata dal sole, a volte rischiarata dalla luce della luna piena. Gira a più non posso Miss Monde e la sua gonna sembra un globo in movimento. Il suo continuo girare ci ricorda che quando su una parte della terra ci si risveglia, dall’altra parte si dorme. Miss Monde non parla, ma canta. Canta il risveglio e il mondo dei sogni, canta ninne nanne antiche che arrivano dalla notte dei tempi e da tutti i paesi del mondo. Il canto di Miss Monde ci culla e rammenta i suoni dolci e magici che ci accompagnano dalla nostra infanzia.

Théâtre des marionnettes de Genève (Ginevra – Svizzera) — www.marionnettes.ch
Fondato nel 1929 da Marcelle Moynier, il Teatro delle marionette di Ginevra è il più vecchio della Svizzera. Durante quasi cinquant’anni Marcelle Moynier ha realizzato i suoi spettacoli nel suo appartamento, accogliendo migliaia di spettatori. Nel 1984, quattro anni dopo la morte della sua fondatrice, il cantone e la città di Ginevra mettono a disposizione della compagnia una sala con 180 posti nel cuore del quartiere di Plainpalais. Dal 2002 il direttore artistico e amministrativo è Guy Jutard. Trentamila spettatori assistono ogni anno agli oltre duecento spettacoli, in parte allestiti dal teatro stesso, in parte proposti da compagnie ospitate, presentati in uno dei pochi teatri stabili in Europa consacrati al teatro di figura.

La brocca di Prospero

La brocca di ProsperoTecnica: burattini tradizionali
Regia: Dario Tognocchi
Musiche: musiche della tradizione popolare
Messa in scena: Dario Tognocchi e Paola Rovelli
Animazione/Recita: Dario Tognocchi, Cristiano Iannitti, Diego Pileggi
Durata: 60′
Età: dai quattro anni

E’ notte. In mezzo al mare veleggia una grande nave che si dirige verso un’isola misteriosa. A bordo troviamo un re di nome Alonso, il figlio Ferdinando, il fratello Sebastiano e il nobile Antonio. Ognuno si dirige verso l’isola per motivi diversi e segreti. Una terribile tempesta scatenata da Prospero, un vecchio re e mago che vive sull’isola assieme alla figlia Miranda e agli spiriti Calibano, Ariele e Tavà, causa il naufragio della nave. Approdato sull’isola, Alonso incontra dopo vent’anni Prospero. E’ l’inizio di grandi e fantastiche avventure. Lo spettacolo è liberamente ispirato al celebre dramma La Tempesta di William Shakespeare.

Teatro dei burattini di Como (Como – Italia) — www.teatroburattinicomo.it
La compagnia Teatro dei burattini di Como nasce nel 1982, fondata da Dario Tognocchi e Paola Rovelli. Protagonista di molti spettacoli è Tavà, la maschera tradizionale della provincia di Como. La compagnia gestisce il festival internazionale Alla corte di Tavà che ha luogo in diverse città lombarde. Organizza inoltre laboratori di animazione teatrale rivolti a bambini e ragazzi.